Per informazioni tel. +39 06 5816427

Contatti

CARTOGRAFICAVISCEGLIA
Via F. D. Guerrazzi, 15
00152 Roma
info@visceglia.it
Tel. +39 06 5816427

Partita Iva 09565210581 C.C.I.A.A. di Roma n. REA 787470

Carte personalizzate

Possiamo personalizzare qualsiasi cartina presente sul nostro catalogo sia nelle dimensioni che nei colori, anche per una sola copia. Possiamo inserire il vostro logo e altri simboli a vostro piacimento.

Inviateci una richiesta a info@visceglia.it sarete sorpresi dei risultati e dei costi.

Riconoscimenti

Cerca nel Blog

Storia del planisfero da Tolomeo ai giorni nostri

Storia del planisfero da Tolomeo ai giorni nostri

 (0)    0

  Blog I love maps

Il planisfero, ovvero la rappresentazione geografica dell'intera superficie terrestre, ha origini molto antiche: il primissimo esemplare a noi noto risalirebbe addirittura ad Anassimandro di Mileto (VI sec. a.C.).

Con il trascorrere dei secoli, le descrizioni geografiche del mondo hanno conosciuto una progressiva evoluzione, soprattutto a partire dal geografo greco Claudio Tolomeo, vissuto ad Alessandria d’Egitto nel II secolo d.C..

Quando la sua "Geographia" fu scoperta (XIV secolo), i cartografi vi trovarono una grande quantità di riferimenti completi di coordinate geografiche; utilizzarono poi questo materiale per compilare una carta che illustrasse le condizioni del mondo nel periodo in cui l’opera fu scritta (150 d.C.).

Tale ricostruzione è nota con il nome di "Planisfero Tolemaico". Sfruttando una metodologia già sperimentata in età ellenistica, Tolomeo si avvalse dell'osservazione astronomica per trovare la latitudine e la longitudine dei vari punti della Terra, inquadrandole poi in uno schema "a rete" .

Poiché si basa sull'estensione dell'Impero Romano nel secondo secolo, il Planisfero Tolemaico si limita a raffigurare solo due mari (il Mediterraneo e l'Oceano Indiano) il territorio europeo e parte del continente asiatico.

La scoperta dell'America e la diffusione della stampa diedero nuovo impulso a questo tipo di cartografia: non a caso, il Cinquecento è il secolo che conta una eccezionale varietà di planisferi.

Le prime carte del mondo con la descrizione del continente americano, nelle quali si distinsero soprattutto i cartografi spagnoli, portoghesi e italiani, consistevano essenzialmente in una versione ampliata del classico portolano: alcune venivano disegnate a mano su pergamena ( è il caso del "Planisfero di Cantino", il "Planisfero di Pesaro" e il "Planisfero di Reinel", risalenti ai primi anni del XVI secolo), mentre altre erano eseguite a stampa (tra le più famose, il "Planisfero Contarini" del 1506).

Alcune di queste carte, come il "Planisfero di Sylvanus" (1511) e lo stesso "Planisfero Contarini", utilizzavano ancora la proiezione conica tolemaica; a questa, nella seconda metà del XVI secolo si aggiunsero nuove proiezioni che servirono a realizzare planisferi sempre più avanzati.

Fra le più accreditate si distinsero la "Proiezione Sinusoidale" di Cossin e soprattutto la "Proiezione Cilindrica Centrografica Modificata" di Gerardo Mercatore.

Tale proiezione si ottiene inserendo la Terra in un cilindro tangente all'Equatore e proiettando tutti i punti dal centro della sfera sulla superficie del cilindro: aprendo il cilindro, si trasferisce così la sfera terrestre su superficie piana.

Pensata soprattutto per la navigazione, la "Proiezione di Mercatore" è ancora oggi uno dei riferimenti più utilizzati nella realizzazione di vari servizi cartografici; tuttavia, per superare le inevitabili distorsioni che essa comporta, nel corso del XX secolo sono stati proposti altri sistemi, come la "Proiezione di Gall-Peters" e la "Proiezione di Fuller" (nota anche come "Planisfero Dymaxion").

planisfero politico antichizzato

Oggi, il planisfero non ha solo un ruolo didattico: tanto su carta quanto su globo (il cosiddetto "mappamondo"), esso è impiegato ampiamente anche a scopi ornamentali.

Per soddisfare entrambe le esigenze, l'odierna produzione cartografica include varie tipologie di planisferi, da quelli più moderni e aggiornati alle riproduzioni delle mappe antiche che uniscono ad un pregevole effetto estetico un notevole interesse storico-culturale.

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha