100% Personalizzabile +39 06 5816427 Made in Italy

Contatti

CARTOGRAFICAVISCEGLIA
Via F. D. Guerrazzi, 15
00152 Roma
info@visceglia.it
Tel. +39 06 5816427

Partita Iva 09565210581 C.C.I.A.A. di Roma n. REA 787470

Carte personalizzate

Possiamo personalizzare qualsiasi cartina presente sul nostro catalogo sia nelle dimensioni che nei colori, anche per una sola copia. Possiamo inserire il vostro logo e altri simboli a vostro piacimento.

Inviateci una richiesta a info@visceglia.it sarete sorpresi dei risultati e dei costi.

Riconoscimenti

Cerca nel Blog

Definizione di carta geografica

Definizione di carta geografica

 (1)    0

  Blog I love maps

Con il termine "carta geografica" si indica comunemente la rappresentazione della superficie terrestre o di una porzione di essa mediante simboli grafici di uso convenzionale (linea, tratteggio, ombreggiatura, colore, ecc.).

Queste carte mirano a rendere assetti e riferimenti geografici con la massima esattezza, riproducendo fedelmente tutti gli aspetti fisici, politici ed etnografici dei vari territori; per quanto riguarda le distanze, si utilizzano in tal senso le "scale di rappresentazione" o "di riduzione", che mantengono rapporti costanti fra le lunghezze della cartina e le rispettive distanze "reali" sulla superficie della Terra.

Da secoli, le carte geografiche vengono prodotte in diverse versioni in base alla destinazione d'uso: alcune di esse mirano a soddisfare esigenze pratiche, altre invece nascono per supportare vari ambiti di studio e di ricerca.

Definizione di carta geografica

Più in generale, le mappe possono essere realizzate focalizzando l'attenzione su aree territoriali più o meno estese (come i "planisferi", le "mappe generali" dei continenti, le cartine "corografiche" e "topografiche" riguardanti paesi, regioni e città) oppure sui contenuti (carte "fisiche", "politiche", "tematiche", "geologiche", "idrografiche", "turistiche", "nautiche").

Tra le mappe con utilità eminentemente pratiche spiccano le "cartine stradali" e le "carte militari".

Oggi, l'orientamento più utilizzato per tutti i tipi di rappresentazione è quello con il Nord nella parte superiore, il Sud nella sezione inferiore, l'Ovest a sinistra e l'Est a destra: questa consuetudine si è affermata nel mondo occidentale a partire dal XVII secolo.

In passato, invece, molti popoli hanno usato orientamenti differenti (gli arabi, ad esempio, orientavano molte delle loro carte verso il Meridione, mentre nel mondo cristiano, per motivi religiosi legati ai luoghi santi, si tendeva a privilegiare l'orientamento a Oriente).

La grafica delle cartine viene curata tramite l'uso di una particolare segnaletica che indica le zone costiere, le montagne, le vie fluviali, i laghi, la rete stradale, le zone pianeggianti e i limiti amministrativi.

Per motivi di estetica o di funzionalità, le carte geografiche possono essere proposte in fogli sciolti o riunite in atlanti; nel caso dei planisferi, che riproducono l'intera superficie terrestre, è prevista sia la versione su piano, sia la forma sferica tridimensionale ("mappamondo").

 (1)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha